Psicologia Scientifica

landing ANSIA: ansia sociale - Psicologia Scientifica

ANSIA SOCIALE​

La caratteristica dell’ansia sociale è il vissuto di inadeguatezza del soggetto accompagnato dal giudizio negativo che si attiva in presenza di altri e in contesti sociali. Chi ne soffre sperimenta un forte senso di imbarazzo in situazioni come parlare in pubblico, recarsi ad un appuntamento o anche semplicemente sedendosi ad un tavolo di condivisione, fino a provare disagio nel mangiare in compagnia di amici, colleghi o familiari.

L’ansia sociale o fobia sociale pervade molte attività e se non adeguatamente curata può provocare vissuti di rabbia e depressione; infatti il sentirsi costantemente a disagio non consente di viversi pienamente e liberamente e il soggetto spesso tende ad isolarsi o a prediligere situazioni meno disagevoli, per evitare spiacevoli esperienze vissute come umilianti.

Chi ne soffre si colpevolizza per le sue performance giudicate il più delle volte come pessime e vive in un costante stato di allerta nel timore che il suo disagio venga scoperto inevitabilmente dai suoi interlocutori risultando un debole, un timido, un diverso, una persona strana.

Si possono avere alcuni sentori come la paura di essere guardati sul volto che arrossisce, di essere giudicati per le vampate di calore, la mano che trema o per gesti che il soggetto ritiene impacciati. Si ha la percezione del battito accelerato e sintomi simili che anticipano un’autocritica con attenzione eccessiva anche ai minimi dettagli, in cui la perdita del controllo del discorso o di quel che si sta svolgendo sono frequenti.

Esistono diversi livelli di ansia sociale: la più semplice è attribuibile alla paura di parlare in pubblico, ma le più complesse riguardano quelle in contesti più piccoli, non per questo meno gravi, perché non di rado si giunge  ad avere il timore anche di firmare con la mano che trema, o di stringere una mano quando ci si presenta, o anche di parlare con un caro amico per il timore  di essere guardati o di avere una voce ostacolata dall’imbarazzo.

Nella fobia sociale la psiche mette in atto dei comportamenti di sabotaggio al fine di mantenere l’equilibrio ed evitare il sovraccarico di stress. È importante riconoscere i segnali di questo disagio, perché chi ne soffre ha una notevole sensibilità inespressa e considerevoli capacità sociali contraddistinte da empatia e sensibilità che possono essere messe frutto nella vita relazionale e nel lavoro su di sé.

Inoltre, non è necessario risolvere il problema affrontandolo in modo diretto, perché l’ansia anticipatoria e l’autocritica non sono a vantaggio di chi ne soffre.  La psicoterapia offre alla persona strategie per affrontare il disagio e spunti di riflessione e rilettura delle proprie risorse, soggiogate da un’immagine di sé negativa e ingombrante.

Il lavoro con tecniche di rilassamento e strategie di comunicazione efficace, sull’assertività e sulla gestione dell’interazione, risultano di aiuto anche in fase iniziale della terapia, proseguendo con un lavoro parallelo sulle emozioni di imbarazzo, paura, rabbia e tristezza.

Sappiamo che il 15% della popolazione è affetta da fobia sociale, fra i disturbi che vengono riportati ci sono tensione muscolare, tremori, palpitazioni, sudorazione, crampi addominali, mal di testa, secchezza delle fauci e svariati sintomi legati all’ansia. Chi ne soffre si colpevolizza perché crede di temere cose sciocche, rimanendo intrappolato nella sua zona di comfort.

Uscire dalla pressione del giudizio che si ha della propria persona, per darsi la possibilità di guardare anche oltre, diventa l’inizio della scoperta di sé sotto una luce più rassicurante.

Come citava Erich Fromm “Il compito principale nella vita di ognuno è dare alla luce se stesso”

HAI BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO?

CONSULENZA PSICOLOGICA
VIA SKYPE O WHATSAPP

PER USUFRUIRE DELLA CONSULENZA DEI NOSTRI PSICOLOGI VOLONTARI, ISCRIVITI ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE O FAI UNA DONAZIONE DELL'IMPORTO CHE PREFERISCI PER SOSTENERE LE NOSTRE ATTIVITÀ NO PROFIT*

NO PROFIT

Insieme

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Totale Donazione: €50,00

*È prevista una sola consulenza psicologica gratuita per persona. La consulenza è volta a trovare il miglior percorso per te così da affrontare, non UN problema, ma il TUO problema. La donazione è libera e, se hai difficoltà economiche, puoi scegliere di donare anche solo 1 euro. L’attività dei nostri psicologi infatti è svolta volontariamente e le offerte raccolte con quest’attività vengono utilizzate per finanziare esclusivamente i progetti di Psicologia Scientifica per il no profit.
Sostenendo Psicologia Scientifica, quindi, farai del bene a te e agli altri aiutandoci a sviluppare la ricerca in ambito psicologico, promuovere la cultura psicologica e realizzare progetti per il sociale.

NEWSLETTER